fondazione Mida

 Rischio sismico: riflessioni di un cittadino a dieci anni dal terremoto dell'Aquila

Rischio sismico: riflessioni di un cittadino a dieci anni dal terremoto dell'Aquila

Pubblichiamo un contributo che ci è stato gentilmente inviato da Davide Marino, laureato in Scienze Politiche, di Brenta (Varese), che negli ultimi anni si è avvicinato allo studio dei disastri italia...

Mancanze e assedi. La rivoluzione che ci vuole

Mancanze e assedi. La rivoluzione che ci vuole

Si avvicina il decimo anniversario del terremoto dell'Aquila (6 aprile 2009). Nel frattempo nel Centro Italia terremotato del 2016 non si muove molto e la ricostruzione pare ferma al palo, con i citta...

La protezione civile e Zamberletti

La protezione civile e Zamberletti

E' uscito su LAVORO CULTURALE (www.lavoroculturale.org) un articolo di Stefano Ventura che parla di Giuseppe Zamberletti, morto pochi giorni fa all'età di 85 anni. Lo ripubblichiamo qui. La morte di ...

Nelle terre dei Principi

Nelle terre dei Principi

NELLE TERRE DEI PRINCIPI Monaci e comunità italo-greche nel Principato Longobardo di Salernomostra documentaria La mostra è prima di tutto il racconto di una migrazione, quella causata a p...

Ricordare il terremoto, capirne la lezione

Ricordare il terremoto, capirne la lezione

Pubblichiamo un articolo, scritto in occasione del 37esimo anniversario del terremoto in Campania e Basilicata e uscito su Lo Stato delle Cose il 13 dicembre 2017. Le fotografie sono di Michele Amor...

Cronache dal Doposisma

Cronache dal Doposisma

Al Palazzo dello Jesus ad Auletta (Salerno) è aperta la mostra dell'Osservatorio sul Doposisma, visitabile dal giovedì alla domenica, dalle 15 alle 19. E’ gradita la prenotazione al numero 0975 397037...

Ogni 23 novembre

Ogni 23 novembre

Stefano Ventura Spulciando tra le cartelle virtuali del mio computer ho avuto modo di passare in rassegna le tante immagini raccolte nel tempo a proposito del terremoto del 1980; serviva a cercare qu...

Energie dalla terra. Coltivare lo spazio del futuro

Energie dalla terra. Coltivare lo spazio del futuro

“Energie Dalla Terra. Coltivare Lo Spazio Del Futuro” Edizioni MidA, 2016 euro 8 E' vero che i giovani stanno ritornando all'agricoltura, alla terra? Al Sud quanto è concreta questa tendenza e rie...

Il terremoto, la ricostruzione e l'anima dei luoghi

Il terremoto, la ricostruzione e l'anima dei luoghi

Su DOPPIO ZERO, Vito Teti scrive una riflessione molto interessante sulle conseguenze che un terremoto ha su una comunità, sul senso dei luoghi e delle rovine, sull'eterna diatriba tra il riproporre l...

  •  Rischio sismico: riflessioni di un cittadino a dieci anni dal terremoto dell'Aquila
  • Mancanze e assedi. La rivoluzione che ci vuole
  • La protezione civile e Zamberletti
  • Nelle terre dei Principi
  • Ricordare il terremoto, capirne la lezione
  • Cronache dal Doposisma
  • Ogni 23 novembre
  • Energie dalla terra. Coltivare lo spazio del futuro
  • Il terremoto, la ricostruzione e l'anima dei luoghi

in Chi Siamo
 Rischio sismico: riflessioni di un cittadino a dieci anni dal terremoto dell'Aquila
Pubblichiamo un contributo che ci è stato gentilmente inviato da Davide Marino, laureato in Scienze Politiche, di Brenta (Varese), che negli ultimi anni si è avvicinato allo studio dei disastri itali...
in Chi Siamo
Mancanze e assedi. La rivoluzione che ci vuole
Si avvicina il decimo anniversario del terremoto dell'Aquila (6 aprile 2009). Nel frattempo nel Centro Italia terremotato del 2016 non si muove molto e la ricostruzione pare ferma al palo, con i cittad...
in Chi Siamo
La protezione civile e Zamberletti
E' uscito su LAVORO CULTURALE (www.lavoroculturale.org) un articolo di Stefano Ventura che parla di Giuseppe Zamberletti, morto pochi giorni fa all'età di 85 anni. Lo ripubblichiamo qui. La morte di ...
in Eventi
Nelle terre dei Principi
NELLE TERRE DEI PRINCIPI Monaci e comunità italo-greche nel Principato Longobardo di Salernomostra documentaria La mostra è prima di tutto il racconto di una migrazione, quella causata a...
in Chi Siamo
Ricordare il terremoto, capirne la lezione
Pubblichiamo un articolo, scritto in occasione del 37esimo anniversario del terremoto in Campania e Basilicata e uscito su Lo Stato delle Cose il 13 dicembre 2017. Le fotografie sono di Michele Amoru...
in Chi Siamo
SUSSULTI. Storie di terra e umanità
In una data simbolo, il 23 novembre, a distanza di 37 anni dal sisma del 1980, il Comune di Palomonte vuole ripartire dalla bellezza. A ridare anima e dignità alle macerie, a restituire luoghi e st...
Giovedì 18 Dicembre 2014 16:56

Premio Mantovani, i materiali

Lo scorso 14 novembre la Fondazione Mida ha concluso le iniziative legate al premio "Adriano Mantovani" con la premiazione del lavoro vincitore. Il premio prevedeva la presentazione di un elaborato sul tema: “Mantovani ed il terremoto dell’Irpinia: ricostruzione delle attività attraverso testimonianze, esperienze documentate e modelli operativi”.

La prima classificata è stata Talita Accardi, veterinario emiliano-romagnola; il secondo posto è andato a Nicola Amabile. Pubblichiamo un collegamento ai materiali che sono stati in concorso e una breve scheda riassuntiva in cui la vincitrice del premio spiega il suo lavoro.

CLICCA QUI per accedere ai materiali

Adriano Mantovani e l'Irpinia nel racconto dei collaboratori

di TALITA ACCARDI

Molti viaggiano per piacere di farlo, altri per curiosità, altri ancora per ritrovare se stessi e poi, c’è chi viaggia alla ricerca di memorie che possano ripercorrere storie e ricordare persone.

Ebbene, quanto sta per esservi presentato, rappresenta proprio quest’ultimo viaggio: un percorso attraverso il quale si è cercato di rievocare vecchi ricordi di vita, volti a far affiorare il lato nascosto e più “puro” di una persona che ha segnato la storia della veterinaria.

Si tratta di una raccolta di memorie che attraversa l’Italia dall’estremo nord al quasi estremo sud, passando per la capitale; inizia da San Giovanni in Persiceto (Bo) e si conclude a Pertosa (Sa). Memorie preziose di persone che, con immensa fortuna, hanno avuto l’occasione di poter lavorare fianco a fianco con colui che diede il via ad una branca innovativa ed impensata della veterinaria, quella della cosi definita “Disastrologia” e del concetto di One -Medicine.

Di chi sto parlando? Del professor Adriano Mantovani, ovvio…

Il mio lavoro non è stato altro che andare alla ricerca di coloro che durante il terremoto d’Irpinia del 1980 si sono ritrovati a lavorare in un contesto drammatico con quest’uomo e, da essi, raccogliere testimonianze che raccontassero quei dettagli che normalmente nessuno considera, quelle tracce lasciate nei cuori da certi incontri.

Ciò che ascolterete, se avete voglia e pazienza, è una storia di 3 ore e 40, narrata attraverso le voci di chi visse quest’uomo nel contesto Irpinia e nel “dietro le quinte” casalingo. Un racconto che cerca di delineare un personaggio dalle mille sfaccettatture in cui umanità, senso pratico, cultura ed umorismo hanno saputo amalgamarsi alla perfezione. Un racconto diverso dal solito, in cui non sono i fatti “obiettivi” ad essere messi in scena, ma aneddoti di vita quotidiana col compito di mostrare nella sua interezza un uomo diverso da tutti gli altri, una persona capace di lasciare il segno. Quello che affronterete non è un documentario storico- biografico classico, basato sulla memoria di fatti pura e semplice, ma è il raccontare una persona attraverso gli occhi di coloro in cui ha lasciato un segno indelebile e dei contesti in cui si sono trovati a collaborare.

Concludendo, un itinerario sviluppato in maniera diversa ma che vuole rappresentare sia un tassello da inserire nel grande puzzle di una tragedia, sia l’ultima pennellata nel quadro che raffigura quest’uomo, da poter lasciare ai posteri.

LINK AI MATERIALI:

https://www.mediafire.com/folder/h5jf08k8i4vvd/Materiale_Premio_Mantovani_(Accardi_e_Amabile)

Pubblicato in Chi Siamo
Martedì 18 Novembre 2014 19:36

Premio-Concorso Adriano Mantovani: i vincitori

La giovane ricercatrice Talita Accardi vince il concorso MIdA

con l’elaborato “Il Terremoto ed Adriano Mantovani secondo i collaboratori”

 

La ricercatrice Talita Accardi è la vincitrice della borsa di studio del concorso MIdA “Adriano Mantovani ed il terremoto dell’Irpinia: attività, testimonianze, esperienze e modelli operativi“.

La giovane veterinaria, di origini modenesi, ha conquistato il pubblico degli addetti ai lavori e la commissione valutatrice con il suo lavoro di ricerca intitolato “Il Terremoto ed Adriano Mantovani secondo i collaboratori”: una raccolta audio delle testimonianze delle persone che hanno affiancato Mantovani durante il terremoto dell'Irpinia, un viaggio attraverso i ricordi dei veterinari di tutta Italia che hanno raccontato la loro esperienza al fianco del padre della disastrologia veterinaria.

“Un racconto – come sottolinea la stessa Accardi - che va oltre la professione del Mantovani e coglie aneddoti della quotidianità del padre della disatrologia veterinaria”.

La giornata è stata anche occasione di un proficuo confronto tra medici veterinari sulla disastrologia veterinariacon il contributo, tra i tanti, del dott. Alberto Mantovani dell'Istituto Superiore della Sanità nonchè figlio del Prof. Mantovani, del dott. Adolfo Carmine Mottola del Servizio Veterinario Asl Avellino-GrottaminardaMottola, che ha preso parte alle attività veterinarie per la gestione del terremoto del 1980, e del giovane ricercatore Nicola Amabile, che ha presentato i suoi studi sulla figura del Prof. Adriano Mantovani, evidenziando il suo legame con il comune di Pertosa e la Fondazione MIdA.

Soddisfazione è stata espressa dal Presidente della Fondazione MIdA Francescantonio D’Orilia. “Da anni – ricorda D’Orilia - la Fondazione alimenta il dibattito scientifico sulla disastrologia veterinaria attraverso corsi di aggiornamento ed iniziative, come il concorso, tese a promuovere i temi della gestione delle emergenze sotto il profilo sanitario. La Fondazione MIdA, in particolare, ha indetto il concorso nell’intento di contribuire a conservare la memoria e diffondere la conoscenza tra le giovani generazioni di ricercatori sul contributo che il Professore Adriano Mantovani ha dato alla disastrologia veterinaria”.

Del resto, la disastrologia è nata in occasione del terremoto dell’Irpinia del 23 novembre del 1980, quando il Ministero della Sanità, Direzione Generale dei Servizi Veterinari, incaricò proprio il Prof. Adriano Mantovani, docente presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Bologna, di coordinare le attività veterinarie nelle zone colpite dal sisma.

Pubblicato in Chi Siamo

Il Filo della Memoria:racconti, storie e testimonianze

FIL - Il sentimento dei luoghi

L'Aquila emotion