fondazione Mida

Sabato 24 Marzo 2012 10:05

Il Filo della memoria: cos'è

Scritto da  Administrator
Valuta questo articolo
(0 Voti)

Un evento traumatico lascia tracce indelebili nella personalità e nell’animo di chi lo ha vissuto. E’ così per le guerre, è stato così per chi è stato coinvolto nell’Olocausto. Anche chi sopravvive a una scossa devastante di terremoto conserva in maniera nitida immagini, impressioni e ricordi di quel momento.

L’Osservatorio permanente sul Doposisma intende aprire una finestra sulla memoria, archiviando e raccogliendo il materiale sparso per la rete, custodito dalle singole persone, da associazioni, comuni e altri enti.

“Il filo della memoria” si dipanerà, per il terremoto di Campania e Basilicata, con una scheda per ogni paese disastrato, e contemplerà poi gli altri terremoti degli ultimi anni (Umbria e Marche, Molise, l’Aquila).

Questa sezione è in continuo divenire, è aperta al contributo di tutti e offre il suo contributo alla costruzione di percorsi collettivi e aperti per la tutela, la conservazione e la trasmissione della memoria delle comunità e dei singoli cittadini, per ognuno degli eventi segnalati e per altri che si proporranno strada facendo.

Pubblicato in Epicentri

Il Filo della Memoria:racconti, storie e testimonianze

FIL - Il sentimento dei luoghi

L'Aquila emotion